Liberalizzazioni: Confcommercio, "Subito un tavolo di confronto per correggere le storture"

Inviato da Micaela Osella il Ven, 26/01/2007 - 14:14
"Il governo dimostra di non aver fatto tesoro della risposta del Paese alla finanziaria, annunciando una lenzuolata sulle liberalizzazioni che si è tradotta, alla fine, soltanto in scampoli mal riusciti". E' questo il commento del presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, sul pacchetto liberalizzazioni varato ieri dal Consiglio dei Ministri. Secondo il numero uno dell'associazione dei consumatori si tratta di un risultato negativo che deriva da un metodo - quello della mancanza di un confronto preventivo con le rappresentanze d'impresa - di cui questo Governo sembrerebbe abusare. "Attraverso il dialogo e il confronto sarebbe, invece, stato possibile perseguire sia l'obiettivo di una maggiore concorrenza con l'ingresso di nuovi operatori, sia una maggiore efficienza delle reti distributive già esistenti", argomenta Sangalli. Confcommercio chiede al Governo di aprire subito un tavolo di confronto con tutti i soggetti interessati per cambiare il testo dell'attuale disegno di legge. "Se ciò non avvenisse - conclude Sangalli - non resterebbe che prendere atto del fatto che, sul terreno delle liberalizzazioni, si è voluto procedere con la logica dei due pesi e due misure. Proclamando, cioè, concorrenza, ma lasciando nel pantano le liberalizzazioni dei mercati dell'energia e dei servizi pubblici locali e dimenticando, a proposito di concorrenza nel commercio, i vantaggi fiscali delle cooperative".
COMMENTA LA NOTIZIA