1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Leonardo mostra i muscoli, divisione Elicotteri in ripresa e Profumo scommette su un 2019 in crescita

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bilancio 2018 con segnali di ripresa per Leonardo. Il colosso della Difesa guidato da Alessandro Profumo ha riportato ordini pari a 15.124 milioni di euro, con un incremento pari a circa il 30% rispetto al 2017 principalmente dovuto all’acquisizione del contratto NH90 Qatar per 3 mld. Il portafoglio ordini risulta pari a 36.118 milioni di euro (+7,8%).

 

I ricavi sono saliti a 12.240 milioni di euro (+4,3%), oltre gli 11,88 mld delle stime di consensus. Oltre le attese anche l’EBITA che si è attestato a 1,12 miliardi di euro dai 1,077 mld del 2017, aumento principalmente dovuto ai maggiori volumi e profittabilità registrata nella divisione Elicotteri ed alla buona performance della divisione Velivoli, il cui maggiore apporto ha più che compensato la flessione del risultato del Consorzio GIE-ATR penalizzato dal mix delle consegne effettuate e dall’effetto cambio USD/Euro, e dell’Elettronica, Difesa e Sistemi di Sicurezza. Battute le attese di consensus che erano ferme a 1,09 mld. L’ebit risulta invece pari a 715 milioni di euro.

 

L’utile netto ordinario risulta pari a 421 milioni di euro, beneficia in misura significativa di minori oneri finanziari legati alle operazioni di buy-back completate nel corso del 2017 parzialmente compensati dagli oneri di ristrutturazione derivanti dall’avvio della procedura ex Lege 92/2012 (Legge Fornero – circa € 170 mil). L’utile netto è pari a 510 milioni di euro dai 279 mil al 31 dicembre 2017.

 

Proposto il pagamento di un dividendo pari a 0,14 euro, in linea con il 2017 e che impatta le attese del mercato.

La guidance 2019 sorprende in positivo

Per il 2019 l’ex Finmeccanica si attende la conferma dei trend di crescita con ulteriore incremento dei Ricavi (€ 12,5-13 mld), dell’EBITA (€ 1.175-1.225 mil) e una generazione di cassa (FOCF) attesa a circa 200 milioni, confermando un conversion rate nel periodo di Piano superiore al 50%. Anche qui i target vanno oltre le stime (consensus Bloomberg era di ebita a 1,09 mld).

 

“Il 2018 ha rappresentato un importante passo in avanti nell’esecuzione del Piano Industriale – rimarca Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo – abbiamo intrapreso le azioni necessarie e mantenuto le promesse; abbiamo raggiunto i target e superato la Guidance. Continuiamo ad essere fiduciosi sul raggiungimento di tutti gli obiettivi del Piano Industriale: crescita della top line insieme al rigoroso controllo dei costi, per una redditività di Gruppo a doppia cifra ed una importante generazione di cassa dal 2020. Nei prossimi anni vogliamo accelerare ulteriormente il percorso avviato per la crescita sostenibile”.