Le vendite sui titoli bancari frenano le borse europee

Inviato da Massimiliano Volpe il Ven, 18/12/2009 - 17:51
Le principali borse europee hanno chiuso l'ultima seduta della settimana in terreno negativo. A penalizzare i listini hanno contributo sopratutto le vendite sui titoli bancari. Ieri il Comitato di Basilea ha presentato il pacchetto di proposte finalizzato al rafforzamento patrimoniale del sistema bancario europeo in modo da aumentare la capacità degli istituti di credito di fronteggiare le future situazioni di crisi. Secondo gli analisti l'introduzione di queste norme impatterà negativamente sui conti degli istituti che dovranno adeguarsi alle nuove norme.
A Londra, l'indice Ftse ha terminato a quota 5205 punti, (-0,25%). Maglia nera del listino inglese Lloyds Banking (-5,28%), seguito da Fresnillo (-3,11%). In evidenza, tra le blue chip, Liberty (+1,77%) e Inmarsat (+1,77%).
L'indice tedesco Dax ha invece terminato a quota 5832 punti, (-0,22%). Peggior titolo del listino di Francoforte Volkswagen (-3,38%), seguito da Commerzbank (-2,55%). In controtendenza, tra le blue chip, Sap (+1,95%) e Deutsche Boerse (+1,66%).
A Parigi il Cac40 ha terminato a 3798 punti, (-0,86%). Pecora nera a Parigi Credit Agricole (-7,09%), seguita da Dexia (-6,41%). Tra le blue chip del listino francese, in evidenza Sanofi-Aventis (+2,17%) e Unibail-Rodamco (+1,44%).
COMMENTA LA NOTIZIA