1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Le tensioni internazionali fanno correre il petrolio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I 70 dollari al barile sono sempre più vicini e nessuno si azzarda a scommettere sul livello che il petrolio raggiungerà a fine anno. Le tensioni internazionali continuano a soffiare sul fuoco e il barile si incendia. Ieri l’Iran ha tolto i sigilli alla centrale di Isfahan per la conversione dell’uranio in gas che potrebbe mettere fine ai negoziati portati avanti con fatica nei mesi scorsi e riaccendere un altro focolaio di tensione sul fronte Mediorientale. Il Wti a New York ha toccat, surante la seduta di ieri, i 64 dollari al barile per poi attestarsi in chiusura a 63,85) mentre il barile di Brent ha sfondato i 62 dollari. E sempre meno effetto sembrano avere in questo gioco al rialzo gli interventi dell’Opec che solo sabato aveva annunciato l’incremento della propria produzione giornaliera di oro nero di 300.000 barili a 30,4 milioni.