1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Le tensioni geopolitiche appesantiscono i listini europei

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta all’insegna del nervosismo per i listini del Vecchio continente che nel corso della prima parte hanno toccato i minimi di seduta in scia della notizia, smentita, del lancio di missili balistici nel Mediterraneo orientale. Le indicazioni macro arrivate nel corso del pomeriggio e la conseguente intonazione positiva di Wall Street hanno permesso di ridurre le perdite.

A Parigi il Cac40 ha lasciato sul campo lo 0,8% fermandosi a 3.974,07 punti e il listino tedesco è sceso dello 0,77% a 8.180,71. Rosso anche per l’indice della City, sceso dello 0,58% a 6.468,41, mentre l’indice spagnolo ha terminato a 8.445,2, lo 0,19% in più rispetto al dato precedente.

Tra i dati arrivati nel corso della seconda parte spicca l’Ism relativo il manifatturiero statunitense, salito il mese scorso da 55,4 a 55,7 punti (livello massimo da oltre due anni), e l’indice che misura l’andamento della spesa edilizia che a luglio ha evidenziato un incremento mensile dello 0,6% (consenso 54 punti e +0,4%).