Le notizie in arrivo dalla Grecia spingono i bancari, in controtendenza Standard Chartered

Inviato da Luca Fiore il Mer, 13/10/2010 - 19:29
Chiusura tutta in positivo per gli indici europei, che dopo il quantitative easing targato Federal Reserve beneficiano dei conti decisamente migliori delle attese di due colossi del calibro di Intel e Jp Morgan. Il comparto bancario è risultato tra i migliori in Europa, permettendo allo stoxx di settore di portarsi a casa il 2,4%.

Oltre ai guadagni derivanti dall'euforia generalizzata, i bancari hanno potuto beneficiare anche delle indicazioni per una volta positive arrivate dalla Grecia. Se da un lato il calo dello spread con i titoli di stato tedeschi segnala che la fiducia sta lentamente tornando, buone notizie sono arrivate dalla National Bank of Greece, che ha completato l'aumento di capitale da 1,8 mld di euro. Il titolo ha capitalizzato la fiducia degli investitori portandosi a casa il 3,8%.

Dalla Germania, Deutsche Bank ha invece messo a segno un rialzo del 3,9% e Commerzbank si è portata a casa il 2,46%. Bene a Piazza Affari Intesa Sanpaolo (+2,22%) e Unicredit (+2,05%) mentre a Parigi Bnp e Societe Generale sono salite di 1 punto percentuale.

Ben comprata Oltremanica anche Hsbc (+1,1%) mentre Standard Chartered ha lasciato sul campo l'1,7% dopo l'annuncio di un aumento di capitale da 3,3 miliardi di sterline (3,75 miliardi di euro), un'operazione destinata ad aumentare il Core tier 1 di almeno 2 punti percentuali in vista dell´entrata in vigore delle nuove regole sui requisiti patrimoniali.
COMMENTA LA NOTIZIA