1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Le large cap europee valgono una scommessa? (Fondionline.it)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le società europee ad elevata capitalizzazione presentano una traiettoria aziendale solida e buone prospettive di ampliamento del proprio business. Disporre di un’elevata capitalizzazione di Borsa, una forte ponderazione negli indici dei rispettivi paesi d’origine e una traiettoria aziendale solida: sembrano essere queste le tre caratteristiche di ogni blue chip che si rispetti. I principali paesi dell’area euro possono contare su società incluse nell’indice Ftse Eurotop (indice che accoglie le società dell’area euro provviste dei più elevati livelli di capitalizzazione). Tutti i titoli ospitati nell’indice fanno parte dei portafogli consigliati dai gestori. Tra i pesi massimi europei che godono delle preferenze della maggior parte degli esperti troviamo le società petrolifere (che hanno beneficiato della recente scalata del petrolio fino a quota 77,67 Usd). A detta degli esperti, i risultati conseguiti da British Petroleum nel primo semestre del 2007 potrebbero spingere le quotazioni del titolo. La corporate britannica rappresenterebbe un investimento basato sulle buone prospettive delineate per il 2008 e per gli anni futuri. British Petroleum presenta un ratio P/e pari a 11,6, superiore a quelli degli altri titoli petroliferi consigliati: la francese Tota (10,8), l’italiana Eni (10,5). Nel gruppo delle oil companies, Eni è la società che offre il miglior rendimento da dividendo (4,89%), mentre BP si ferma al 3,58% e Total al 3,45%. (Segue)