1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Le borse statunitensi chiudono deboli, Apple sotto quota 600 mld

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’ottava dei listini statunitensi inizia con il segno meno. Chiusura in territorio negativo per gli indici a Wall Street che dopo i massimi da cinque anni toccati dal Dow sono stati penalizzati dalle tensioni in arrivo dalla Spagna e dal taglio delle stime sulla crescita delle economie asiatiche annunciato dalla Banca mondiale. Il Dow Jones in avvio di ottava ha lasciato sul parterre lo 0,19% a 13.583,65 punti, -0,35% per lo S&P a 1.455,88 e -0,76% del Nasdaq a 3.112,35.

A livello di singole performance +0,33% per Alcoa che si appresta ad inaugurare, come di consueto, la stagione delle trimestrali a stelle e strisce. Dopo i +15 centesimi per azione di un anno fa, gli analisti stimano un risultato in parità. Terza seduta consecutiva con il segno meno per il titolo Apple (-2,21%) che ha visto la capitalizzazione di mercato scendere sotto quota 600 miliardi di dollari a 598,2. In particolare evidenza anche Marathon (+0,2%) che ha acquistato asset da BP per 2,5 miliardi di dollari e Netflix (+10,46%) che ha capitalizzato la promozione da parte di Morgan Stanley a “overweight” dal precedente “equalweight”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUMENTO DI CAPITALE

Carraro: offerta in opzione, sottoscritto il 99,684%

A conclusione dell’offerta in opzione nell’ambito dell’aumento di capitale, Carraro ha annunciato che sono stati esercitati 43.225.974 diritti per la sottoscrizione di 33.620.202 azioni, pari al 99,684% del totale.

Il controvalore complessivo è d…

BANCHE ITALIA

Veneto Banca: Cda chiede intervento Atlante per ricapitalizzazione

Oggi il Cda di Veneto Banca “ha riaffermato – si legge in una nota diffusa dall’istituto – la propria piena fiducia nella prospettiva dell’aggregazione con Banca Popolare di Vicenza come condizione per il rilancio delle due banche, importante per lo …

MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

MACRO

Stati Uniti: fiducia dei consumatori a 97,1 punti a maggio

Nel mese di maggio l’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan si è attestato a 97,1 punti, dai 97 di aprile. Nella stima flash il dato era risultato pari a 97,7 punti.