1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Le Borse non hanno fiducia nel vertice Ue, Piazza Affari maglia nera d’Europa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I mercati non sembrano avere molto fiducia nella capacità dei leader europei di risolvere i tanti problemi che attanagliano la zona euro, a partire dalla crisi greca e dalla delicata situazione del comparto bancario spagnolo. Anche il tema dell’introduzione degli eurobond sarà al centro del dibattito. Tema che è stato fortemente rilanciato dal neopresidente francese, Francois Hollande, ma il fronte tedesco non sembra orientato ad abbandonare la sua posizione, ovvero un secco rifiuto all’idea di titoli di debito comune.
 
“A Bruxelles si apre il vertice della Ue – afferma Michael Hewson, senior market analyst di CMC Markets – mentre sullo sfondo restano i timori per l’uscita della Grecia, dopo le dichiarazioni riportate dai media del primo ministro Lucas Papademos, che poi ha smentito, secondo cui la Grecia starebbe pensando ai preparativi per l’uscita dall’euro”. Secondo Hewson è possibile che i mercati restino ancora una volta delusi, visto che i leader europei hanno più volte promesso senza mantenere.

Per il momento il trend sui principali listini azionari del Vecchio Continente è proprio questo: a Francoforte il Dax cede l’1,75%, a Parigi il Cac 40 arretra dell’1,80%, a Madrid l’Ibex 35 perde l’1,90%, a Londra il Ftse 100 lascia sul parterre l’1,40%. Piazza Affari è la peggiore d’Europa: l’indice Ftse Mib cede l’1,75% in area 13.100 punti, mentre il Ftse All Share arretra del 2,60% a quota 14.050.
 
Sul listino milanese pesano le forti vendite che stanno colpendo i titoli del comparto bancario: Mps cede il 4,60% a 0,219 euro, Banco Popolare il 4,20% a 0,976 euro, Unicredit il 3,60% a 2,524 euro, Intesa SanPaolo il 3,60% a 1,033 euro, Ubi Banca il 4,40% a 2,312 euro. Maglia nera è Pirelli, che lascia sul parterre quasi 6 punti percentuali in scia al downgrade di Goldman Sachs.