1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Le Borse mondiali rialzano la testa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dall’Asia all’Europa sembra essere tornato il sereno sui mercati internazionali, dopo lo scivolone che ha contraddistinto le ultime sedute della scorsa ottava. Una riapertura, quella odierna dei mercati, che è stata caratterizzata dai timori e delle paure per nuovi e ulteriori ribassi. Le incertezze, però, si sono cominciate a dissipare, con la chiusura della Borsa di Tokyo che ha archiviato le contrattazioni in lieve rialzo con l’indice Nikkei a +0,21%, 16800,05 punti, condizionata positivamente dal close di venerdì sera di Wall Street.

Avvio di contrattazione all’insegna del rimbalzo anche per il Vecchio continente. Dopo aver iniziato la giornata con il segno più, i listini d’Europa continuano viaggiare in territorio positivo grazie soprattutto all’immissione di liquidità arrivata dalle banche centrali. A Parigi, il Cac40 guadagna l’1,03% a 5504,78 punti, il Dax a Francoforte avanza dello 0,70%. Ma tra i principali indici europei spicca il rialzo dell’inglese Ftse 100 che mette a segno un +1,73% a 6143 punti.

Segno più anche per Piazza Affari. L’S&P/Mib aumenta dello 0,61% a 39233 punti. In ripresa nella City milanese il settore bancario fortemente penalizzato nell’ultima ottava. Spiccano, infatti, Capitalia, Unicredit e Intesa Sanpaolo. In controtendenza gli editoriali con Mondadori che perde quasi 4 punti percentuali (-3,82% a 6,96%) seguita da Seat -2,46% e Mediaset -1,15%. Fioccano le vendite anche per Bulgari -2,27% e Pirelli -1,44%.

Il pericolo di una correzione permanente è dunque scongiurato? È ancora difficile dirlo anche se oggi i segnali positivi non sono mancati. Inidicazioni incoraggianti sono arrivate anche da Oltreoceano. Il Dow Jones in avvio d’ottava avanza dello 0,38% a 13290 punti e lo S&P/500 segna un +0,46% a 1460 punti. Il Nasdaq guadagna lo 0,88% a 2567 punti.

(Notizia aggiornata alle 15.40)

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Germania: bid-to-cover stabile nell’asta di Schatz a due anni

L’agenzia tedesca per la gestione del debito ha collocato 3,965 miliardi di Schatz a due anni. Il rendimento medio si è attestato al -0,65 per cento, dal -0,69 dell’asta di fine aprile, mentre il tasso di copertura si è confermato a 1,2 volte.

Grecia: Borsa Atene debole dopo mancato accordo su debito

Borsa di Atene debole dopo il mancato accordo tra i creditori internazionali sulla riduzione del debito greco, con la decisione di posticipare la decisione alla riunione di metà giugno. Sulla piazza finanziaria ellenica prevalgono le vendite: l’indic…