Le Borse europee aprono bene l’ottava, poi ripiegano

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Indici azionari europei piatti in avvio di ottava dopo un inizio di seduta caratterizzata da rialzi anche sopra il mezzo punto percentuale. Alcuni analisti fanno però notare che la velocità del movimento ribassista di settimana scorsa, avvenuto peraltro in presenza di bassa liquidità, apre però spazi per delle prove di recupero. A livello settoriale la guida viene dai settori delle costruzioni, dall’automobilistico (con entrambi gli Stoxx settoriali che guadagnano lo 0,96%) e dai titoli del comparto retail, in vista dei risultati mensili che verranno comunicati domani dale maggiori catene statunitensi. Sulla difensiva invece utility e telecomunicazioni, i cui Stoxx sono sostanzialmente invariati. L’euro è in apprezzamento contro il dollaro, al di sopra di 1,28. Andamento misto tra le Borse asiatiche. Shanghai ha chiuso in rialzo di oltre due punti percentuali. Chiusura in calo invece per Tokyo. I deboli riscontri arrivati nel secondo trimestre dall’economia nipponica (+0,4 per cento annualizzato, ben al di sotto del +2,3% atteso dal mercato, con un risicato +0,1% t/t.) hanno portato a un primo storico sorpasso della Cina come seconda economia mondiale ai danni del Giappone. Come riportato oggi dal Cabinet Office del Giappone, i dati ufficiali evidenziano come il Pil nominale del Giappone risulta pari a 1.288 miliardi di dollari nei mesi da aprile a giugno, meno dei 1.339 miliardi di dollari registrati nello stesso periodo dalla Cina.