Lazard, continua il braccio di ferro tra Weill e Wasserstein

Inviato da Redazione il Lun, 25/10/2004 - 09:10
La strada per la quotazione in Borsa di Lazard continua a rimanere in salita. Continua il braccio di ferro tra Michel David Weill, presidente della holding Eurazeo, e Bruce Wasserstein, il capo di Lazard. Ebbene Michel David-Weill e i partner storici della Lazard si sono detti d'accordo nel sostenere il progetto di quotazione in Borsa della banca d'affari avanzato dall'amministratore delegato, Bruce Wasserstein, a condizione che quest'ultimo si impegni a rassegnare le dimissioni nel caso in cui l'Ipo non avvenga entro il 30 giugno prossimo. La risposta di Bruce Wasserstein non si è fatta attendere. In una lettera Wasserstein ha rigraziato Weill per non aver esercitato il suo diritto di veto sull'operazione, ma ha puntualizzato senza mezzi termini che l'Ipo sarà realizzata a condizioni di mercato e di non avere intenzione di dimettersi in forza di un contratto che scade nel 2006.
COMMENTA LA NOTIZIA