Lavoro: Uil, dati disoccupazione allarmanti. Finora rimedi inadeguati

Inviato da Valeria Panigada il Mer, 08/01/2014 - 14:44
"I dati sul "non lavoro" sono sempre più allarmanti, ma ciò che più preoccupa è la continua assenza di quelle politiche volte a una ripresa economica e, di conseguenza, occupazionale". Così Guglielmo Loy, segretario confederale Uil, ha commentato i dati sul mercato del lavoro in Italia, diffusi oggi dall'Istat. Loy denuncia che i rimedi finora adottati sono stati "apparenti e temporanei, inadeguati a risolvere il problema del sempre più crescente numero di persone in cerca di occupazione, con quote elevatissime tra i giovani, che non produrranno, per l'ennesima volta, quel risultato che in troppi ormai agognano: il diritto a un lavoro stabile". La Uil evidenzia inoltre che oltre alla continua crescita della disoccupazione si sta assistendo a un costante calo della buona occupazione, ossia il crollo di assunzioni stabili a fronte della crescita del lavoro temporaneo. "Sorprende, infine, che di fronte a questa tempesta ci sia qualcuno che pensa sia meglio chiudere l'ombrello della Cassa integrazione anziché rafforzarne la capacità di protezione", conclude Loy.
COMMENTA LA NOTIZIA