1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Lavoro: Inps, +34,6% le nuove assunzioni a tempo indeterminato nei primi 8 mesi dell’anno

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si conferma la forte creazione di posti di lavoro a tempo indeterminato.

Nei primi otto mesi del 2015 aumenta, rispetto al corrispondente periodo del 2014, il numero di nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel settore privato (+299.375). Le nuove assunzioni a tempo indeterminato in questo settore sono state 1.164.866, il 34,6% in più rispetto all’analogo periodo del 2014. E’ quanto emerge dall’Osservatorio sul Precariato pubblicato dall’Inps.

Crescono anche i contratti a termine (+29.377), mentre si riducono le assunzioni in apprendistato (-11.744). La variazione netta tra i nuovi rapporti di lavoro e le cessazioni, pari rispettivamente a 3.598.708 e 2.997.850, è di 600.858; nello stesso periodo dell’anno precedente era invece stata di 330.387.

L’incremento delle assunzioni a tempo indeterminato 2015 rispetto allo scorso anno risulta superiore alla media nazionale (+34,6%) soprattutto nelle regioni del nord Italia. In particolare si segnalano le performance registrate in Friuli-Venezia Giulia (+84,5%), in Umbria (+61,6%), nelle Marche (+53,1%), in Piemonte (+52,7%) e in Trentino-Alto-Adige (+50,5%). I risultati peggiori si registrano nelle regioni del Sud: Calabria (+17,3%), Puglia (+16,3%) e Sicilia (+11,0%).

Aumentano le assunzioni anche per i più giovani, con tassi di occupazione al di sopra della media nazionale nelle fasce d’età fino a 24 anni (+45,6% di contratti di lavoro a tempo indeterminato attivati rispetto allo stesso periodo del 2014) e fra i 25 e i 29 anni (+44%).