Lavoro: crisi occupazionale colpisce 13 milioni di italiani

Inviato da Daniela La Cava il Gio, 17/07/2014 - 16:14
Nel 2013 una persona su 3 in età lavorativa ha riscontrato serie difficoltà sul fronte occupazionale. Si tratta di quasi 13 milioni di italiani, in aumento del 42,6% rispetto al 2008 che hanno un lavoro instabile, che hanno subito una riduzione di orario, che sono alla ricerca di un posto di lavoro, che sono stati sospesi dal lavoro o "peggio" hanno perso il posto. Sono alcuni dei numeri che emergono dal rapporto curato dal servizio politiche territoriali e del lavoro della Uil "NO PIL? NO JOB", che mostra come e con quale intensità la crisi abbia creato un "cratere" nel tessuto sociale e produttivo italiano, mettendo a confronto i dati del 2008 e del 2013 relativi al mercato del lavoro, agli ammortizzatori sociali e al reddito dei lavoratori dipendenti e assimilati.
Nel dettaglio, nel solo 2013, 4,2 milioni di persone hanno vissuto l'esperienza degli ammortizzatori sociali (cassa integrazione, mobilità, ASPI e mini ASPI), con un aumento del 57% rispetto al 2008 (1,5 milioni di persone in più); 3,1 milioni di persone sono alla ricerca attiva di un posto di lavoro, in aumento dell'83,8% rispetto al 2008 (1,4 milioni di persone in più); 1,8 milioni sono le persone che, rassegnate, un lavoro neanche lo cercano. È aumentato, inoltre, il ricorso al part-time involontario (70,1% in più), con circa 500 mila persone coinvolte; 2,2 milioni di persone hanno un lavoro a termine; infine oltre 1 milione di persone ha un contratto di lavoro non subordinato (collaborazioni, buoni lavoro, tirocini), ma che in realtà nasconde rapporti di lavoro dipendente. A questi andrebbero aggiunti ulteriori 400 mila persone che, pur lavorando con partita IVA, svolgono di fatto lavoro subordinato.
COMMENTA LA NOTIZIA