A. Laidi: la ripresa statunitense porterà ad un deterioramento del saldo commerciale

Inviato da Luca Fiore il Mar, 13/07/2010 - 19:08
Nel suo commento al mercato forex, Ashraf Laidi di Cmc Markets rileva come la crescita del deficit commerciale statunitense, ai massimi da un anno e mezzo, sia imputabile alle importazioni di greggio, che nell'ultimo anno sono quasi raddoppiate. Dato che l'economia statunitense di basa proprio sui consumi, continua Laidi, la ripresa porterà inevitabilmente con sé il deterioramento della bilancia commerciale.

Per quanto riguarda le piazze finanziarie, Laidi rileva come (in attesa dei numeri trimestrali di Intel) oggi abbiano assorbito decisamente bene il downgrade di Moody's ai danni del Portogallo (che in qualunque caso, rileva Laidi, conserva l'investment grade) anche grazie al successo dell'asta dei titoli greci a 6 mesi.

Bene anche sterlina e dollaro canadese. La prima oggi ha potuto beneficiare del rallentamento inferiore alle attese dell'inflazione in versione "completa", dal 3,7% al 3,2%, e dell'incremento del dato "core", passato dal 2,9% al 3,1%. Il loonie invece ha cavalcato il balzo dell'appetito per il rischio in scia del greggio sempre più vicino alla media mobile a 200 giorni; visto che negli ultimi 2 mesi il dollaro canadese ha sovraperformato l'andamento del greggio, le prospettive per le prossime sedute non possono che essere positive.
COMMENTA LA NOTIZIA