1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

A. Laidi: la Fed è pronta a combattere la deflazione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ashraf Laidi di Cmc Markets nel suo report sul mercato valutario rileva come nelle ultime 3 settimane nonostante il -7% messo a segno dallo S&P, l’euro/dollaro si è sempre mosso nel range 1,26-1,28. “I segnali di forza in arrivo dalla Germania”, rileva Laidi, “confermano e rafforzano il quantitative easing targato Federal Reserve”, sostenendo anche l’andamento della moneta unica, che ora punta quota 1,2980.

Il n.1 della Fed Bernanke la scorsa settimana ha ribadito la sua preferenza per l’acquisto di asset a lunga scadenza, unito alla conferma del costo del denaro ai minimi per un periodo “eccezionale” ed al taglio dei tassi sulle riserve. Nel sottolineare il fatto che la Fed con i proventi derivanti dalle mortgage-backed securities sta riacquistando titoli per evitare una contrazione della quantità di moneta, Laidi rileva che la prossima mossa sarà quella di espandere l’alleggerimento monetario: in questa situazione “non esistono le condizioni per un rally del dollaro, visto che i vertici della Fed sono pronti a combattere la deflazione”.

Le politiche espansive di Fed e Bank of England hanno spinto l’oro ai massimi da 8 settimane contro le maggiori valute (yen escluso); secondo Laidi se dovessero emergere nuove tensioni dal fronte dei debiti pubblici europei o nel caso in cui la Fed continuasse il quantitative easing “il metallo giallo dovrebbe avviarsi verso i 1.330 dollari a metà del quarto trimestre”.