1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

A. Laidi: per l’euro/dollaro test chiave a 1,3125-30

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ashraf Laidi, Chief Market Strategist di CMC Markets, nel suo commento al mercato forex sottolinea come la debolezza a livello tecnico del dollaro ieri sia stata confermata dalle dichiarazioni accomodanti di James Bullard della Fed di S.Louis. Bullard, che in precedenza si era fatto notare per dichiarazioni da “falco”, ha paventato la possibilità per la Fed di ulteriori acquisti di titoli.

Laidi rileva come il livello tecnico più rilevante per l’euro/dollaro sia rappresentato dalla resistenza a 1,3120-25, pari al 38% del ritracciamento dai massimi di novembre ai minimi toccati a giugno e resistenza di un testa-spalla rovesciato.

Per Laidi la candela di luglio evidenzia un rally mensile con tutti gli ingredienti di un inversione. Nonostante questo Laidi invita alla prudenza se questo modello si dovesse dimostrare simile al rally del dicembre 2008, che fu seguito da due mesi di cali in coincidenza con gli ultimi 2 mesi di vendite sull’azionario. Nel caso di nuove vendite sull’euro/dollaro Laidi individua un supporto a 1,25.

Le vendite di euro potrebbero trovare fondamento nelle rinnovate tensioni sui debiti dell’Eurozona e/o gli acquisti sul dollaro potrebbero essere dettati da una minaccia di crisi per il sistema finanziario. Laidi raccomanda infine di porre attenzione all’andamento dell’S&P500, che se oggi dovesse chiudere il mese sotto 1.116 darebbe ulteriori indicazioni ribassiste. Particolarmente negativa sarebbe una chiusura sotto la media mobile a 55 giorni (1.087).

Commenti dei Lettori
News Correlate
RINNOVABILI

Falck Renewables: acquisite due società svedesi

Falck Renewables oggi ha perfezionato l’acquisizione del 100% di due società a responsabilità limitata (Aliden Vind AB e Brattmyrliden Vind AB), che possiedono due progetti pronti per la costruzione in …

MERCATI

Borse europee chiudono piatte

Dopo una prima parte incerta, chiusura di ottava intorno alla parità per le borse europee. Tra le cause della risalita troviamo le indicazioni migliori delle stime arrivate dai dati macro: …