1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

La Yellen può sperare nella riconferma alla Fed. Mnuchin ha fretta su riforma fiscale: va varata entro fine anno

Mnuchin tiene aperta la porta a una possibile riconferma della Yellen alla guida della Fed. Intanto la priorità nei prossimi mesi sarà la riforma fiscale per dare una spinta alla …

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Porte aperte a una possibile riconferma della Yellen alla guida della Federal Reserve. Il segretario statunitense al Tesoro, Steven Mnuchin, ha detto che il nome della Yellen è tra quelli che il presidente Trump sta valutando in vista della scadenza dell’attuale carica. Mnuchin ha poi sottolineato come la riforma fiscale va varata entro fine anno, possibilmente con un accordo bipartisan, in modo da dare una spinta decisiva all’economia statunitense. Il segretario statunitense al Tesoro caldeggia quindi tempi molto brevi nei prossimi mesi per mettere nero su bianco l’attesa riforma fiscale, tra i driver principali del rally dei mercati post elezione Trump.

Nonostante il Congresso non abbia ancora pubblicato una proposta, Mnuchin ritiene che ci sia spazio per il varo di una riforma entro fine anno. Mnuchin ha rimarcato però che l’obiettivo del presidente Trump di tagliare l’aliquota sulle società al 15 per cento sarà difficile da raggiungere. 

Mnuchin ha rimarcato come l’amministrazione Trump è “super focalizzata” sull’obiettivo riforma fiscale dopo che settimana scorsa ha prorogato di tre mesi il termine per l’innalzamento del  tetto del debito.

Yellen nella urna insieme ad altri candidati autorevoli

Il segretario statunitense al Tesoro ha detto oggi che la conferma della Yellen è tra le opzioni che si stanno valutando in vista della scadenza del mandato prevista a febbraio del prossimo anno. Parlando durante la Cnbc Institutional Investor Delivering Alpha a New York, Mnuchin ha puntualizzato che Trump ancora non ha preso alcuna decisione e c’è”un sacco di persone di rilievo” che sono prese in considerazione per ricoprire il ruolo di presidente della Fed.

Nessun commento circa la candidatura di Gary Cohn, ex presidente di Goldman Sachs e attualmente capo consigliere economico della casa Bianca. Cohn era considerato fino a poco tempo fa il favorito per la successione alla Yellen ma ora la sua candidatura sembra caduta dopo le critiche rivolte a Trump dopo le violenze di Charlottesville.

La Casa Bianca ha una serie di poltrone del board Fed da riempire, in totale quattro, compresa quella del vice presidente della Fed, Stanley Fischer, che settimana scorsa ha annunciato le sue dimissioni.