1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Kuwait, il piccolo colosso petrolifero (Fondionline.it)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Un minuto Emirato che ospita il 10% delle riserve mondiali di petrolio e condiziona da sei decenni i delicati equilibri medio- orientali. Il minuto Emirato del Kuwait è stato controllato dalla famiglia Al-Sabah dal 1756. Il Kuwait moderno nasce nel 1961, anno in cui ottenne l’indipendenza dal Regno Unito. Negli anni successivi alla dichiarazione d’indipendenza, l’Iraq ha reclamato l’emirato sostenendo che il territorio era una delle sue province. Negli ultimi anni, la vita politica del Kuwait è stata segnata dalla Guerra del Golfo, nel 1990-’91, quando le truppe di Saddam Hussein invasero l’emirato, e dalla Guerra dell’Iraq, nel 2003, anno in cui l’Emirato servì da base strategica per le truppe Usa e UK durante l’invasione dell’Iraq.
La politica petrolifera del Kuwait ha due obiettivi: da un lato, aumentare la produzione di petrolio nel medio termine, favorendo l’ingresso di imprese estere; dall’altro, assicurare la sopravvivenza economica dell’emirato nel lungo termine, destinando un 10% degli introiti ad un fondo comune di investimento per far fronte alle conseguenze dell’esaurimento del greggio. Il Kuwait è un membro fondatore dell’Opec, anche se la sua relazione con il cartello è stata flebile per molto tempo. Tra il 1986 e il 1990, l’Emirato ha ignorato ripetutamente i moniti per il rispetto delle quote di produzione (uno dei motivi che hanno contribuito a scatenare la Guerra del Golfo). Successivamente, ripresosi dagli effetti dannosi della guerra, ha iniziato a produrre quantitativi diari che hanno provocato il disappunto dell’Arabia Saudita.
Il Kuwait è da sempre un difensore dei prezzi bassi (intorno ai 20 dollari al barile). Tuttavia, a partire dal duemila ha dato manforte ai tagli della produzione necessari per alimentare i prezzi del petrolio. I ministri dell’Emirato hanno indicato un prezzo ‘giusto’ intorno a quota 50-55 Usd. La maggior parte della produzione del paese si concentra nel centro e nel sud, con il giacimento di Burgan -il secondo al mondo per livello di riserve- che è arrivato a produrre 2mb/d (attualmente la produzione è di 1,7mb/d). Farouk al-Zanki, presidente della Kuwait Oil Corporation, ha precisato che il giacimento sta per esauririsi. (segue).