1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Kghm convince Credit Suisse, ma è presto per cambiare il rating

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il gruppo minerario polacco Kghm finisce sotto la lente di ingrandimento degli analisti del Credit Suisse. Il broker nel report uscito oggi e raccolto da Finanza.com esordisce chiedendosi: la società ha per caso cambiato profilo? “Pensiamo che l’investor day di Kghm ha chiarito i piani di investimento record, che porteranno a un significativo aumento dell’hedging, ad assorbire completamente la cassa e pertanto a un cambiamento della percezione del gruppo da stock commodity a gruppo conglomerato diversificato grazie anche alla diversificazione nel settore dell’energia”, argomentano gli esperti della banca svizzera. Anche il fattore M&A potrebbe essere un catalist interessante, segnalano. “Ci aspettiamo annunci di potenziali acquisizioni dal momento che il gruppo è un single molto in vista. Ma anche progetti di partnership potrebbero essere percepiti positivamente dal mercato”, proseguono alla merchant bank. Dal punto di vista della valutazione nessun cambio, però. Gli analisti del Csfb, infatti, confermano le stime e pertanto la raccomandazione resta neutral con target price individuato a 173 zloty.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Petrolio: scorte scendono più del previsto, WTI stabile a 51,4$

Nella settimana al 19 maggio le scorte di petrolio statunitensi hanno segnato un calo di 4,4 milioni di barili attestandosi a 516,3 milioni. Gli analisti avevano stimato una riduzione di 2,4 milioni di barili.

Segno meno anche per gli stock di be…

COMMODITY

Petrolio stabile in attesa del meeting Opec

Stabili le quotazioni del petrolio in attesa del meeting Opec di domani. Questa mattina il prezzo del Wti (riferimento americano) mostra un leggero rialzo dello 0,25% a 51,61 dollari al barile, mentre il Brent (riferimento europeo) si mantiene sopra …

COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…