1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Juventus regina d’incassi (Sporteconomy.com)

QUOTAZIONI Juventus Fc
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Juventus batte la concorrenza delle altre società calcistiche italiane sul fronte introiti. Secondo quanto riporta il sito www.sporteconomy.it infatti il club bianconero batte su tutti i fronti le altre big del calcio nostrano avvicinandosi al modello anglosassone di gestione delle società calcistiche. La Vecchia Signora evidenzia una spiccata capacità ad attrarre partner e contratti altamente remunerativi. Sul versante dei diritti Tv la Juventus è al primo posto per gli introiti dell’attuale stagione e per la prossima. I bianconeri riceveranno da Sky per il campionato 2005/06, 90 milioni di euro, mentre per il 2006/07 la cifra record sarà di 94.5 mln di euro, senza considerare il bonus, in caso di vittoria del campionato o di piazzamento al secondo posto, per ulteriori 5 mln di euro. Invece, per la trasmissione delle partite sul digitale terrestre, la Juventus riceverà da Mediaset,12 milioni per 3 anni. Sul versante sponsor spicca l’accordo ultramilionario con Tamoil, da 24 mln di euro l’anno per i prossimi 10 anni (se si considera l’opzione in mano a Tamoil). E su questo punto la Juve non è leader solo in Italia ma anche in Europa. Lo sponsor tecnico, l’americana Nike, contribuisce alle casse del club piemontese con un contratto di 12 anni da 187 milioni. A questi numeri vanno aggiunti ulteriori introiti dai numerosi partner del club. Sul fronte marketing, i lavori di ristrutturazione dello stadio Delle Alpi (stimati in 150 mln) e di realizzazione del nuovo training center (20 mln), saranno per il futuro nuove fonti di introiti per i bianconeri, alla ricerca di un partner commerciale per lo stadio. La compagine torinese può contare su un vasto bacino d’utenza tifosi record in Italia, 14 mln di tifosi e un “market share” del 33%. E fuori dai confini nazionali il “pool” di tifosi stimato è di 150 milioni a livello worldwide, di cui 5 mln in Francia, 5 in Germania, ed oltre 3.2 mln inel Regno Unito.