Jp Morgan: nel II trim. utile netto sceso a 5 mld dollari, pesano 4 mld di perdite trading

Inviato da Valeria Panigada il Ven, 13/07/2012 - 13:32
Quotazione: MORGAN (J.P.)
Jp Morgan, la maggiore banca americana, ha riportato nel secondo trimestre dell'anno un utile netto pari a 5 miliardi di dollari, ossia 1,21 dollari per azione, in calo rispetto ai 5,4 miliardi di dollari, o 1,27 dollari per azione, del corrispondente periodo del 2011. Sul risultato hanno pesato le perdite da trading per 4,4 miliardi di dollari, peggiori delle attese degli analisti interpellati da Bloomberg che si aspettavano perdite per 4 miliardi di dollari. L'utile per azione escluso l'effetto delle regolazioni contabili si è attestato a 1,09 dollari, oltre le stime del mercato che si aspettava un Eps adjusted di 0,76 dollari. Il fatturato ammonta a 22,9 miliardi di dollari. Per quanto riguarda la vicenda del trading di derivati che ha causato le perdite multimiliardarie, il gruppo ha dichiarato: "La società sta conducendo un esame ampio di ciò che è accaduto nel Chief investment office (l'ufficio centrale di investimenti) e condivideremo le nostre osservazioni oggi".
COMMENTA LA NOTIZIA