1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

JP Morgan, Jamie Dimon affossa il Bitcoin: “Peggio bolla tulipani, è una frode”

“Semplicemente, si tratta di una cosa non reale”, che “esploderà”, con il risultato che “qualcuno si farà male”.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non è solo una bolla, tra l’altro “peggio di quella dei tulipani”, ma è anche “una frode”. Jamie Dimon, amministratore delegato di JP Morgan, ha le idee chiare sul Bitcoin. Parlando nel corso di una conferenza a New York organizzata da Cnbc e Institutional Investor, il ceo ha avvertito:

“La valuta è destinata a non funzionare. Non è possibile  un business in cui si inventa una moneta dal nulla, pensando che chi l’acquista sia davvero intelligente”.

L’epilogo di quella che per diversi trader e investitori è una grande scommessa sarà dunque per l’AD negativo, anche perchè, “semplicemente, si tratta di una cosa non reale”, che “esploderà”, con il risultato che “qualcuno si farà male”.

Il Ceo di JP Morgan ha affermato tra l’altro che, se scoprisse che un qualsiasi trader della sua banca facesse trading sulla criptovaluta, lo licenzierebbe “in un secondo, e per due ragioni: è contro le nostre regole, e i trader sarebbero stupidi, entrambe cose pericolose”.

Tra l’altro, “onestamente, sono semplicemente scioccato del fatto che nessuno riesce a vedere (il Bitcoin) per quello che è”.

Immediata la reazione dell’asset che, per la prima volta dallo scorso 22 agosto, ha visto il suo valore in dollari Usa scendere al di sotto della soglia dei $4000, in flessione di oltre -20% rispetto ai record testati lo scorso 1° settembre.

Dimon ha fatto anche qualche battuta, affermando che perfino sua figlia ne ha comprata un po’, nella speranza di fare più soldi, visto che l‘asset è volato di oltre +300% soltanto dall’inizio dell’anno.

“Non sto dicendo di shortarlo e di vendere $100.000 di Bitcoin, prima che il suo valore vada giù. Questo non è un consiglio su cosa fare. Mia figlia ha acquistato Bitcoin, i prezzi sono saliti, e ora lei pensa di essere un genio“.

Insomma:

“Non chiedetemi di shortarlo. Potrebbe arrivare a $20.000 prima che ciò accada, ma alla fine (la bolla) esploderà”.

Non è la prima volta che Dimon si scaglia contro il Bitcoin. L’ultima avvenne nel corso dell’evento Fortune Global Forum di San Francisco, nel novembre del 2015, quando il numero uno di JP Morgan disse direttamente a uno dei presenti nel pubblico:

Stai sprecando il tuo tempo con il Bitcoin! La moneta virtuale, laddove si fa riferimento al bitcoin contro il dollaro Usa, verrà fermata. Nessun governo sosterrà mai una moneta virtuale che superi i confini e che non sia sottoposta a controlli”.

Eppure il dirigente è stato già smentito, dal momento che il Giappone, per esempio, ha riconosciuto  il Bitcoin alla stregua di una forma di pagamento legale, contribuendo non poco al suo successo.