1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Jc & Associati: “Tenaris, lo storno potrebbe continuare”

QUOTAZIONI Tenaris
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tenaris prova il rimbalzo a Piazza Affari dove avanza del 3,78% a 13,32 euro dopo la forte discesa che, dai massimi di fine aprile, ha portato il titolo della compagnia specializzata in tubi senza saldatura a perdere oltre 30 punti percentuali. Un calo derivante dall’elevata correlazione esistente tra Tenaris e le altre azioni orbitanti intorno all’area di interesse del petrolio e il prezzo di quest’ultimo. La pensano così gli analisti di mercato del team di Jc & Associati che notano come petrolio e materie prime fossero giunti a livelli di prezzo “forse non giustificabili”. Conta meno, dunque, in questo momento, il fatto che Tenaris “sia un’ottima azienda che beneficia dell’aumento degli investimenti per la ricerca di nuovi giacimenti e per uno sfruttamento più intensivo di quelli già esistenti. Da un punto di vista industriale non dovrebbero esserci problemi, anche se è bene non sottovalutare la crescente competizione che proviene dalla Cina o da concorrenti di dimensioni minori”. Conta di più, invece, quanto detto sul petrolio e sulle materie prime e la considerazione che molti titoli del comparto “prezzano su multipli ben più elevati rispetto alla loro media storica”. Dunque, è la conclusione degli esperti, “lo storno in atto su Tenaris potrebbe continuare, soprattutto se il mercato dovesse stimare anche un generalizzato aumento degli investimenti (nuovi impianti, acquisizioni) da parte di Tenaris, a frontedi uno scenario forse meno visibile per il settore”.