J. Pristovsek: l’oro potrebbe toccare nuovi record nel Q1 2012

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’oro chiude sostanzialmente invariato una settimana altalenante. Nelle ultime due sedute il metallo giallo ha confermato la sua recente correlazione positiva con i mercati finanziari portandosi a ridosso dei 1.760 dollari l’oncia.

“Secondo le stime -ha detto Jana Pristovsek nel consueto Commodities Update di IG Markets- i futures sul metallo giallo potrebbero toccare il record di 1.950 dollari l’oncia entro la fine del primo trimestre 2012 a causa della stagnazione della crescita economica e dell’incertezza sulla crisi del debito in Europa”.

Segno più invece per le quotazioni del petrolio, salite questa mattina a ridosso di quota 95 dollari a 94,93 dollari, il livello massimo degli ultimi tre mesi. Nell’ultimo mese il prezzo del greggio ha registrato un rialzo di poco inferiore al 25%.

“È da rilevare -secondo Anthony Grech di IG Markets- che il greggio è riuscito a chiudere al di sopra dei 90 dollari nelle ultime dieci sedute, nonostante la violazione di questo livello lunedì 24 ottobre”. “Si tratta -continua Grech- di un segnale decisamente rialzista, anche se esiste un rischio di pull back”.