1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Italiani in crisi, sale il numero dei “non risparmiatori”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel 2008 sette italiani su dieci (pari al 69%)non sono riusciti a risparmiare nulla. Lo rivela il “Rapporto sul risparmio e i risparmiatori” di Bnl-Einaudi. Il 41% ha invece avuto problemi a fronteggiare i pagamenti. Infine, è salita – dall’11,1% al 29,8% – il numero delle persone che definisce “insufficiente” o “del tutto insufficiente” il proprio reddito. Sempre ieri, la Banca d’Italia ha presentato uno studio sulla ricchezza che risale al primo semestre 2008. Secondo Andrea Beltratti, il curatore della ricerca e pro-rettore della Bocconi, la volontà di risparmiare c’è stata, quel che è mancata è stata la possibilità di farlo. Ne consegue che i “non risparmiatori” sono saliti dal 51% del 2007 al 69% di quest’anno.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Petrolio stabile in attesa del meeting Opec

Stabili le quotazioni del petrolio in attesa del meeting Opec di domani. Questa mattina il prezzo del Wti (riferimento americano) mostra un leggero rialzo dello 0,25% a 51,61 dollari al barile, mentre il Brent (riferimento europeo) si mantiene sopra …

COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…