1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: Studi di Settore, reddito più basso è quello dei commercianti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel periodo d’imposta 2015, in Italia reddito medio dichiarato risulta pari a 28.600 euro per le persone fisiche (+10,3%), a 40.340 euro per le società di persone (+9,1%) e a 31.980 euro per le società di capitali ed enti (+19,6%).

È quanto emerge dalle statistiche relative agli Studi di Settore, alle dichiarazioni delle persone fisiche in base al reddito prevalente, alle dichiarazioni IVA e ad altri dati trasmessi dai contribuenti nel 2016.

Il reddito medio dichiarato più elevato si registra nel settore delle attività professionali (44.310 euro, +6,5% rispetto al 2014), seguito dal settore delle attività manifatturiere (37.440 euro, +15,5% sul 2014) e dal settore dei servizi (27.510 euro, + 12,8%). Il dato più basso è nel commercio (22.510 euro, +180%).

Per quanto riguarda il reddito medio da lavoro dipendente, il livello minore, 9.700 euro, è quello dei lavoratori dipendenti il cui datore di lavoro è una persona fisica. Il dato sale a 13.930 euro per i dipendenti di società di persone, a 21.530 euro per i dipendenti della Pubblica Amministrazione e a 23.750 euro, per i dipendenti delle società di capitali.

Per quanto riguarda le dichiarazioni IVA, il volume d’affari è pari a 3.277 miliardi di euro (+0,7% annuo) ed il valore aggiunto fiscale ammonta a 764 miliardi di euro (+0,3%). L’ammontare dell’Iva di competenza dell’anno d’imposta si attesta a 89,6 miliardi.