Italia: se inflazione resta sotto a 1% difficile pil 2014 vada oltre +0,7% (Unimpresa)

Inviato da Titta Ferraro il Lun, 31/03/2014 - 17:33
Il dato relativo all'inflazione di marzo, col tasso annuo sceso allo 0,4% sui nuovi minimi dal 2009, è un campanello d'allarme anche a livello di prospettive di crescita economica. "Se la crescita dei prezzi manterrà questo ritmo sarà difficile per il pil italiano raggiungere l'1% così come indicato nell'ultimo Documento di economia e finanza del governo - rimarca una nota del Centro studi di Unimpresa - Più probabilmente il prodotto interno lordo del Paese potrebbe arrivare a toccare un rialzo dello 0,7%". "Nel secondo semestre del 2014 c'è da attendersi una leggera accelerazione, rimarca Unimpresa, ma non tale da far prevedere uno scatto in avanti della crescita economica. La recessione si è fermata nel quarto trimestre dello scorso anno e il segno meno davanti al pil sembra sparito, ma siamo vicini alla stagnazione. I prezzi stanno calando perché i consumi sono asfittici e il potere d'acquisto delle famiglie, accompagnato dai timori per eventuali, nuovi scossoni legati alle turbolenze dei mercati finanziari, comprimono anche la spesa di quanti preferiscono agire con prudenza e accumulare riserve di liquidità".
COMMENTA LA NOTIZIA