1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Italia: rapporto Coop, nel 2012 consumi tornati ai livelli del 1996

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Consumi indietro di 17 anni. Secondo quanto contenuto nel rapporto Coop “Consumi & Distribuzione”, condotto in collaborazione con Ref Ricerche e Nielsen, nel 2012 i consumi delle famiglie faranno segnare la più ampia contrazione dal dopoguerra (-4%) e il 2013 si stima faccia segnare un ulteriore – 1,3%. Il rapporto evidenzia come siano in particolare difficoltà i prodotti alimentari (dagli anni sessanta la spesa procapite deflazionata non è mai stata così bassa), l’auto (stessa spesa procapite del 1974), l’abbigliamento (1984). Addirittura i viaggi tornano indietro di un ventennio (1994) e la ristorazione outdoor di quasi quindici anni (1999). I consumi degli italiani si sono invece dovuti concentrare sulle spese obbligate (carburanti, utenze, affitti, mutui) che infatti non sono stati toccati dalla crisi e continuano la loro crescita.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Commessa per AW109 GrandNew

Leonardo debutta nel mercato elicotteristico irlandese

Leonardo si aggiudica un nuovo affare questa volta in Irlanda. La società guidata da Alessandro Profumo e il distributore ufficiale dei suoi elicotteri civili nel Regno Unito e in Irlanda, …

Documento per summit Argentina

Fmi, G20: “Italia eviti stimoli di bilancio pro-ciclici”

Da evitare gli stimoli di bilancio pro-ciclici per paesi come l’Italia dove la posizione è vulnerabile alla perdita di fiducia del mercato. Così scrive il documento preparato dal Fondo monetario …

Riservato a investitori istituzionali

Banco Bpm lancia nuovo covered bond

Banco Bpm ha lanciato un nuovo covered bond riservato a investitori istituzionali e qualificati e una volta emesso verrà quotato alla borsa del Lussemburgo. Il bond ha come sottostante un …

Report dell'agenzia di rating

Moody’s: con Iliad in Italia la più colpita Wind Tre

L’ingresso di Iliad nel mercato italiano ridurrà i ricavi da servizi dei tre operatori presenti, Wind Tre, Telecom Italia e Vodafone. Il calo sarà nel dettaglio del 4-6% solo nel …