Italia: Ocse taglia stima pil 2009 a -5,3%, ma vede ritorno alla crescita nel 2010

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La recessione in Italia nel 2009 sarà più profonda del previsto. Lo prevede l’Ocse che oggi ha pubblicato un rapporto dedicato al Belpaese. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico prevede una contrazione del Pil del 5,3 per cento nel 2009 rispetto al 4,3% precedentemente stimato. La ripresa dovrebbe arrivare nel 2010 con un +0,4% del pil rispetto al -0,4 per cento della precedente stima dell’istituto parigino. Il documento redatto dall’Ocse rimarca come da un lato il sistema bancario italiano si sia dimostrato “relativamente sano”, dall’altro l’Italia sta pagando molto la stretta creditizia che la crisi ha innescato e la debolezza della domanda estera.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Ibm: cda alza del 7% il dividendo trimestrale

Il consiglio di amministrazione di Ibm ha annunciato oggi un dividendo trimestrale di 1,50 dollari ad azione. Si tratta di un aumento di 10 centesimi di dollaro (+7%) rispetto al precedente dividendo triemstrale di 1,40 dollari. Il dividendo verrà pa…

USA

Caterpillar alza guidance 2017, conti trimestrali oltre le attese

Caterpillar ha alzato le proprie stime per l’intero 2017 in scia soprattutto al miglioramento delle prospettive in Cina. In particolare le stime dei ricavi sono salite nel range 38-41 miliardi di dollari (in precedenza erano tra 36 e 39 mld)
Il gru…