1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: Morgan Stanley, servono riforme strutturali per aumentare crescita potenziale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La crisi si farà sentire sull’Italia anche sulle prospettive di crescita del medio termine. Ne sono convinti gli economisti di Morgan Stanley che oggi hanno fatto il punto sulle prospettive dell’economia del Belpaese. Le previsioni della casa d’affari statunitense sono di una crescita negativa dell’Italia nell’ordine del 4,5% quest’anno con una risalita dell’1,2% nel 2010, mentre tra il 2011 e il 2014 l’economia dovrebbe tornare a crescere in media dell’1%, lo 0,2% in meno rispetto a quanto stimato da Morgan Stanley prima dello scoppio della crisi. “Senza riforme strutturali che permettano all’Italia di innalzare il proprio tasso di crescita, potenziale – rimarca Morgan Stanley – sarà difficile abbattere il debito pubblico a un livello accettabile”. Secondo le simulazioni fatte da Morgan Stanley, il debito scenderà solamente nello scenario di una crescita del pil superiore al 3%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede alle 12 a Londra la presentazione del Financial Stability Report da parte del governatore della Bank of England, Mark Carney. Probabile che il chairman colga l’occasione per ribadire la necessità di confermare il costo …

MACROECONOMIA

Italia: commercio estero extra Ue migliora a maggio, esportazioni +2,2%

A maggio, rispetto al mese precedente, i flussi commerciali dell’Italia verso i Paesi extra Ue sono in espansione, con un aumento più marcato per le importazioni (+4,3%) che per le esportazioni (+2,2%). Su base annua le esportazioni sono in forte aum…

Germania: Ifo oltre le attese a giugno

Nel mese di giugno l’indice tedesco IFO, elaborato su un campione di 7 mila operatori economici della Germania, si è attestato a 115,1 punti. Il dato precedente era stato pari a 114,6 punti e gli analisti avevano stimato 114,4.