Italia: investitori esteri abbastanza fiduciosi, il Tesoro pensa al lancio di un Btp 7 anni

Inviato da Riccardo Designori il Mar, 24/09/2013 - 12:27
Quotazione: BTP
Ddopo aver riscontrato il forte appetito del mercato, il ministero del Tesoro italiano sta studiando attentamente la possibilità di emettere anche un Btp a 7 anni. A dichiararlo nel corso della conferenza Euromoney è stata Maria Cannata, responsabile del Tesoro per la gestione del debito pubblico.

"Vi è un appetito crescente per la scadenza a 7 anni. In parte lo abbiamo soddisfatto con le operazioni off the run. Adesso stiamo monitorando il mercato per rilanciare questa scadenza", ha detto nel corso del suo intervento l'esponente del Tesoro.

A favorire il lancio del nuovo Btp contribuisce anche la ''percezione abbastanza buona'' tra gli investitori sul debito pubblico italiano, fattore che rende gli ''investitori abbastanza fiduciosi'' e bilanciata "la situazione tra operatori italiani e stranieri".

Certo nonostante la discesa dei tassi dell'ultimo anno è un fattore positivo per l'Italia, tuttavia il costo di finanziamento per il Belpaese potrebbe essere migliore. Ma per questo ci dovrebbe essere un clima politico/istituzionale più disteso. "La continua incertezza politica non aiuta, la stabilità aiuterebbe risultati migliori in termini di rendimento", ha affermato in tal senso Maria Cannata, ricordando che "con la stabilità politica ci sarebbe più appetito".

In vista del nuovo anno, la responsabile del Tesoro ha spiegato come il 2014 oltre a essere "un'opportunità per il nuovo benchmark" a sette anni, sarà caratterizzato da un funding complessivo in linea con il 2013. Diverso il discorso per il 2015, anno che sarà invece caratterizzato da pesanti scadenze di titoli di Stato italiani.
COMMENTA LA NOTIZIA