1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: instabilità politica mette a rischio ripresa prevista per fine anno (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I dati Istat odierni hanno confermato l’aggravarsi della recessione Italia a fine 2012. Nel quarto trimestre del 2012 il prodotto interno lordo italiano è diminuito dello 0,9% rispetto al trimestre precedente, in linea con la lettura precedente. Rivisto al ribasso invece il calo tendenziale, pari al 2,8% nei confronti del quarto trimestre del 2011 (-2,7% la precedente lettura). “Il nostro Paese riesce ad arginare una parte della contrazione solo grazie alle esportazioni, grazie soprattutto a un euro debole verso le altre valute”, commenta Vincenzo Longo, market strategist di IG. “L’instabilità politica che sta attraversando l’Italia non gioca a favore. “Probabilmente se non si dovesse raggiungere un governo di larghe intese che sia in grado di portare avanti quelle riforme necessarie per la crescita – aggiunge Longo – anche la ripresa prevista nell’ultima parte del 2013 potrebbe essere a rischio. Elemento da non trascurare questo, dato che potrebbe aumentare il forte gap che esiste con il resto d’Europa”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

Attenzione oggi rivolta alle banche centrali. La Bank of Canada dovrebbe annunciare la conferma del costo del denaro allo 0,5%. In serata attenzione alle minute dell’ultima riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve. Tra le indicaz…

MACRO

Stati Uniti: tonfo per l’indice Richmond Fed a maggio

L’indice Richmond Fed, che misura l’attività manifatturiera del distretto di Richmond, nel mese di maggio si è attestato a 1 punto, contro i 20 del mese precedente. Gli analisti avevano stimato 15 punti.

MACRO

Stati Uniti: vendite case nuove sotto le stime ad aprile

Ad aprile l’indice statunitense che misura le vendite di case nuove è passato da 642 a 569 mila unità. Il dato a marzo aveva fatto segnare il livello maggiore degli ultimi 10 anni. Gli analisti avevano stimato 611 mila.