1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: inflazione scende a +0,3% annuo, è il minimo dal 2009. Nell’Eurozona è allo 0,5%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
L’inflazione in Italia scende ancora attestandosi allo 0,3% annuo a giugno, i livelli più bassi dall’ottobre 2009. Secondo la lettura preliminare calcolata dall’Istat, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività ha evidenziato un aumento dello 0,3% nei confronti di giugno 2013, in rallentamento rispetto al +0,5% di maggio. Il consensus era per una lettura a +0,4% annuo. Su base mensile l’indice risulta in progresso dello 0,1%. 
Il calo dell’inflazione è in primo luogo imputabile, secondo gli esperti dell’istituto di statistica, all’accentuarsi della diminuzione dei prezzi degli alimentari non lavorati, scesi a giugno dello 0,6% segnando il livello più basso da settembre 1997. Contribuiscono in misura minore anche il rallentamento della crescita su base annua dei prezzi degli alimentari lavorati, dei beni energetici non regolamentati e dei servizi relativi all’abitazione.
Nell’Eurozona stabile allo 0,5%, giovedì la Bce
Il tasso di inflazione nell’Eurozona rimane stabile a giugno allo 0,5% annuo, secondo la prima lettura del dato diffusa oggi dell’Eurostat. La rilevazione centra le attese degli analisti (consensus Bloomberg). “La lettura invariata dell’inflazione mantiene alta la pressione sulla Bce per contemplare un ulteriore allentamento monetario”, ha commentato Martin van Vliet, analista di Ing. La Bce si riunirà giovedì 3 luglio e dopo la mossa del mese scorso (taglio dei tassi e misura per la liquidità), l’esperto di Ing si aspetta che il presidente Mario Draghi mantenga un tono accomodante nel corso della conferenza stampa di giovedì prossimo, illustrando i dettagli del nuovo TLTRO (il nuovo piano di rifinanziamento a lungo termine vincolato) e lo stato di avanzamento dei lavori preparatori sugli acquisti di Abs.