1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Italia: immatricolazioni ancora in calo, -9,9% per il Gruppo Fiat

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Segno meno per le immatricolazioni a novembre. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha annunciato che a novembre la Motorizzazione ha immatricolato 132.579 autovetture, -9,25% rispetto alle 146.088 unità del novembre 2010. I trasferimenti di proprietà di auto usate hanno invece messo a segno un calo del 6,56% a 390.822. “Il volume globale delle vendite -si legge nella nota del Ministero- ha dunque interessato per il 25,33% auto nuove e per il 74,67% auto usate”.

“Anche i volumi di questo mese -si legge in un comunicato diffuso dall’Unrae, l’Associazione delle Case automobilistiche estere presenti in Italia- ci riportano indietro di 15 anni, sui livelli del lontano 1996”. “E’ evidente – afferma Gianni Filipponi, Direttore Generale dell’Associazione- che anche il risultato di novembre non possa che confermare le gravi difficoltà di un mercato che, a sua volta, riflette la situazione economica generale”.

“I dati ministeriali -continua l’Unrae- dimostrano che la flessione del mese è in linea con quella dell’intero periodo gennaio-novembre, nel quale le 1.636.299 vetture immatricolate registrano una riduzione del 10,6%, rispetto alle 1.830.281 degli 11 mesi 2010”.

Il Gruppo Fiat, compresi quindi i marchi Chrysler, Dodge e Jeep, ha registrato 37.790 immatricolazioni, evidenziando un calo del 9,9% annuo. La quota di mercato del Lingotto si attesta al 28,5%, in linea con il dato di ottobre (28,53%) e di poco inferiore al 28,73% di un anno fa. Nei primi 11 mesi del 2011, il Gruppo Fiat ha venduto quasi 483.000 veicoli, ottenendo una quota del 29,5 per cento.

E le previsioni per i prossimi mesi non lasciano spazio all’ottimismo. “La raccolta ordini, secondo un primo scambio di informazioni fra Unrae e Anfia, ha segnato in novembre una flessione di oltre il 20% con circa 130.000 contratti, il livello più basso mai registrato per questo mese”. “Ciò ci induce – sottolinea Filipponi – a confermare una previsione per il totale anno 2011 di 1.750.000 immatricolazioni di autovetture, in calo dell’11% rispetto ad un anno fa, di ben il 19% rispetto al 2008, anno di inizio della crisi e, addirittura, del 30% rispetto all’anno record 2007”.