1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Italia: giù anche la produzione industriale, analisti vedono possibile recessione tecnica

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’Italia rallenta. Non è solo il Fondo Monetario Internazionale a dirlo. A rincarare la dose di pessimismo sono oggi i dati sulla produzione industriale, che a febbraio ha accusato una flessione dello 0,8% rispetto allo stesso mese del 2007 e dello 0,2% sul mese precedente (dati corretti per i giorni lavorativi). Nella media dei primi due mesi del 2008 l’indice segna così un calo dello 0,3% rispetto al corrispondente periodo del 2007.


Il dato arriva a solo un giorno di distanza dal taglio delle stime sulla crescita italiana per 2008 e 2009 effettuata dal Fondo monetario internazionale nel suo World Economic Outlook. Per l’anno in corso da una previsione formulata a gennaio di una crescita dello 0,8% si è passati allo 0,3%, medesimo tasso di espansione stimato anche per il 2009, per il quale in precedenza era previsto un +1%. Per gli stessi anni il Fondo prevede per Eurolandia una crescita rispettivamente dell’1,4 e dell’1,2%. Quella italiana è infatti la crescita più lenta di tutta l’area euro. Di più, secondo l’Fmi già nel corso degli ultimi tre mesi del 2007 il Pil italiano avrebbe subito una contrazione dello 0,1%.

E i timori per un difficile quadro macroeconomico si raccolgono anche in uno studio odierno di Vladimir Pillonca, analista di Morgan Stanley, che passa in rassegna le condizioni dell’economia italiana a pochi giorni dalla consultazione elettorale di domenica e lunedì prossimi. La casa d’affari vede una crescita 2008 dello 0,6% contro un +1,5% dell’Eurozona, e nonostante l’attesa di un recupero nella seconda parte dell’anno, avverte che la possibilità di una recessione tecnica in Italia nel corso dell’anno non può essere scartata agevolmente. La prima necessità individuata da Pillonca – convinto che non sia scontato che dalle urne possa non uscire una chiara maggioranza – è allora quella di una nuova legge elettorale che aumenti la stabilità e la continuità dell’azione politica. “Questo – spiega – è profondamente importante per le prospettive di crescita economica dell’Italia nel medio termine e per la sua capacità di attirare investimenti”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COLLOCAMENTO AZIONI

Emak: Yama avvia un collocamento sul 10% del capitale

Yama Spa, azionista di maggioranza di Emak con il 75,185% del capitale, ha avviato la cessione di massime 16,4 milioni di azioni, corrispondenti a circa il 10% del totale. Il collocamento verrà realizzato attraverso una procedura di accelerated book …

AIM

Safe Bag: titolo in asta di volatilità dopo massimo storico

Asta di volatilità per il titolo Safe Bag che, in rialzo del 15,77% a 3,46 euro, oggi ha fatto segnare un nuovo massimo storico a 3,466 euro.

La società, quotata sul listino AIM Italia, ha annunciato di aver vinto la gara presso l’aeroporto inte…

Euribor: tre mesi fissato a -0,329%

Il tasso Euribor a tre mesi è stato fissato questa mattina a -0,329%, in rialzo rispetto al fixing di venerdì 19 maggio che era pari a -0,331 per cento. …

Spread Btp-Bund a 173 punti base, rendimento al 2,12%

Lo spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco si attesta a 173 punti base. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è pari al 2,12%, mentre il tasso del Bund con pari scadenza viaggia in area 0,39 per cento.