1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: il gettito tributario tiene nonostante la crisi, prosegue la lotta all’evasione fiscale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Entrate tributarie stabili tra gennaio e aprile. Nei primi quattro mesi dell’anno le entrate tributarie si sono attestate a 117.563 milioni di euro, lo 0,5% in più (+533 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. “Il gettito del primo quadrimestre 2013, pur in presenza di un congiuntura economica negativa, si mantiene sostanzialmente in linea con quello dell’analogo periodo dell’anno precedente”, si legge nella nota diffusa dal Tesoro.

L’incremento dell’imposizione si traduce in una crescita del gettito delle imposte dirette, salito in un anno del 4,5% (+2.700 milioni). Nel dettaglio, le entrate Irpef sono salite di due punti percentuali in scia delle maggiori ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+4,6%), del settore privato (+0,7%) e dei versamenti in autoliquidazione (+26,3%). La crisi si fa sentire sulle ritenute sui redditi dei lavoratori autonomi (-7,5%) e sul gettito dell’Imposta sul reddito delle società (-12,4%).

L’andamento negativo dell’economia è evidente anche nel caso degli introiti derivanti dall’imposizione indiretta (-3,8%, pari a 2.167 milioni di euro). In particolare, il gettito Iva risulta in flessione del 7,8% (-2.375 milioni di euro) a seguito della riduzione del gettito derivante dalla componente relativa agli scambi interni (-4,7%) e dal prelievo sulle importazioni (-21,4%).

In controtendenza, nonostante la congiuntura, il gettito Iva relativo il settore del commercio al dettaglio (+2%) che riflette, si legge nella nota preparata dal Ministero di Via XX Settembre, “l’efficacia dell’azione di contrasto all’evasione”.

Prosegue l’attività di accertamento e controllo
“Positive le entrate derivanti dall’attività di accertamento e controllo (+5%) a conferma dell’efficacia dell’azione di contrasto all’evasione su cui il Governo è fortemente impegnato”. Il dato complessivo relativo le entrate derivanti dall’attività di accertamento risulta pari a 2.135 milioni, oltre 100 milioni in più rispetto al gennaio – aprile 2012.