1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: Fois (Barclays), segnale positivo da contributo export a pil I trimestre

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La correzione al ribasso del dato sul pil relativo al primo trimestre 2010 (+0,4% t/t rispetto al +0,5% della precedente lettura) non preoccupa gli analisti di Barclays Capital. La revisione al ribasso dello 0,1% annunciata oggi dall’Istat, rimarcano gli esperti della banca d’affari britannica, non intacca l’ottimismo sulle prospettive di medio termine per l’Italia. In particolare Barclays sottolinea come al calo dei consumi pubblici fanno da contraltare le positive indicazioni che arrivano dal contributo delle esportazioni. Infatti il contributo in termini percentuali dell’export al pil risulta ai massimi dal terzo trimestre 2005. “Considerando che noi stimiamo una crescita dell’economia globale del 4,7% quest’anno – commenta Fabio Fois di Barclays – pensiamo che l’economia italiana possa beneficiarne appieno e proseguire nella via del recupero”.
L’export italiano nel primo trimestre è salito del 5,3% t/t, mentre le importazioni sono cresciute del 3,3%, in entrambi i casi oltre le attese di Barclays che erano ferme a +1,2% per l’export e +0,8% per l’import. Positiva anche la voce investimenti (+0,6% t/t).

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: tonfo per l’indice Richmond Fed a maggio

L’indice Richmond Fed, che misura l’attività manifatturiera del distretto di Richmond, nel mese di maggio si è attestato a 1 punto, contro i 20 del mese precedente. Gli analisti avevano stimato 15 punti.

MACRO

Stati Uniti: vendite case nuove sotto le stime ad aprile

Ad aprile l’indice statunitense che misura le vendite di case nuove è passato da 642 a 569 mila unità. Il dato a marzo aveva fatto segnare il livello maggiore degli ultimi 10 anni. Gli analisti avevano stimato 611 mila.

MACRO

Stati Uniti: PMI servizi sopra le stime a maggio

Meglio del previsto l’indicatore statunitense che misura il sentiment dei direttori degli acquisti (PMI) del comparto servizi, salito a maggio, in versione preliminare, da 53,1 a 54 punti. Gli analisti avevano stimato 53,3 punti.