Italia: Euler Hermes, in aumento i mancati pagamenti nel primo semestre 2011

Inviato da Titta Ferraro il Lun, 08/08/2011 - 17:40
Tornano a salire i mancati pagamenti delle imprese italiane complice la debole congiuntura economica e la domanda interna stagnante. E' quanto emerge dal report trimestrale sui mancati pagamenti curato da Euler Hermes (gruppo Allianz), leader a livello mondiale nell'assicurazione crediti. In crescita sia la frequenza (+30%), indicatore del numero dei mancati pagamenti, che la severità (+15%), analisi degli importi medi. Il mercato export, attuale traino dell'economia italiana che registra crescite a doppia cifra, tiene per quanto riguarda la frequenza (-15%), ma mostra i primi segnali di difficoltà sul piano della severità, in aumento del 13%. "Una crescita lenta e una domanda interna stagnante si riflettono negativamente sui comportamenti nei pagamenti delle Imprese in Italia", ha dichiarato Massimo Falcioni, Direttore Centrale Euler Hermes SIAC.
Difficoltà testimoniate dal rallentamento del pil italiano nel secondo trimestre 2011 con calo dello 0,6% della produzione industriale di giugno rispetto al mese precedente. "I trend positivi e dinamici registrati nei primi 6 mesi dell'anno in corso dall'Export - ha aggiunto Falcioni - cominciano invece a segnare il passo evidenziando un aumento degli importi medi dei mancati pagamenti sui mercati esteri. Tale dato risulta fortemente influenzato dalle aziende italiane, ancora orientate principalmente sui mercati tradizionali, che nel 2011 si stima rallentino la loro crescita e registreranno ancora livelli di insolvenze in aumento". Falcioni ritiene che il rilancio dell'economia italiana deve passare attraverso il varo immediato di una politica economica di sviluppo di cui un pilastro fondamentale è un piano di riforme strutturato che dovrà agevolare e sostenere le imprese al fine di renderle più competitive nel mercato globale. "Apprezzabile - conclude - il recente incontro tra Governo e parti sociali così come la costituzione di una cabina di regia per le PMI da parte del Ministero dello Sviluppo Economico".
COMMENTA LA NOTIZIA