Italia: diventa difficile confidare in Pil 2014 positivo, scenario molto incerto (analisti)

Inviato da Titta Ferraro il Mer, 06/08/2014 - 14:07
Doccia fredda per l'Italia dai dati del Pil diffusi oggi dall'Istat con anche il secondo trimestre dell'anno in negativo (-0,2% t/t e -0,3% a/a). Il ritorno in recessione per lo Stivale rende difficile guardare con ottimismo alle prospettive economiche per l'intero anno. La variazione acquisita per il 2014 è ora di -0,3% "e rende difficile anche confidare in una variazione media annua positiva per l'anno in corso", commenta Luca Mezzomo, economista dell'Ufficio Studi di Intesa Sanpaolo. "Mantenendo invariate le proiezioni per il terzo e il quarto trimestre allo 0,3% t/t, infatti, la media annua risulterebbe in calo di -0,1% rispetto al 2013", ha aggiunto l'esperto di Intesa Sanpaolo. "Un modesto beneficio potrebbe derivare dal deprezzamento del cambio - prosegue Mezzomo - ma in parte compensato dall'aggravarsi di diversi focolai internazionali di crisi (Russia, Nord Africa). Inoltre, proprio le indagini congiunturali hanno mostrato segnali di cedimento negli ultimi mesi, il che rende lo scenario futuro molto incerto".


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA