1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

L’Italia del credito nel mirino delle banche estere

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I banchieri centrali del G10, riuniti a Basilea, potrebbero discutere la richiesta di minori veti politici, che sarà esaminata da Bruxelles. Il motivo? Alcuni dei loro “vigilati” hanno chiesto di rivedere la 2° direttiva Ue, che assegna il placet a governi e istituzioni sulle fusioni transfrontaliere. Dietro l’accelerazione Ue sulle fusioni trasnazionali spuntano le mire di Abn e Bbva. Le tutele del Governatore condizionano infatti chi coltiva sogni di crescita esterna. Ultimi a dirlo Alessandro Profumo(Unicredit), Corrado Passera(Intesa) e Roberto Mazzotta(Bpm). Parole a parte, c’è gran fermento perché se gli ostacoli cadessero il capitale internazionale dilagherebbe, partendo dalle posizioni già assunte in Intesa, Sanpaolo, Capitalia, Antonveneta, Bnl, Mediobanca. In alcuni casi lo straniero è primo socio e sfiora la soglia di guardia del 15%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Commessa per AW109 GrandNew

Leonardo debutta nel mercato elicotteristico irlandese

Leonardo si aggiudica un nuovo affare questa volta in Irlanda. La società guidata da Alessandro Profumo e il distributore ufficiale dei suoi elicotteri civili nel Regno Unito e in Irlanda, …

Documento per summit Argentina

Fmi, G20: “Italia eviti stimoli di bilancio pro-ciclici”

Da evitare gli stimoli di bilancio pro-ciclici per paesi come l’Italia dove la posizione è vulnerabile alla perdita di fiducia del mercato. Così scrive il documento preparato dal Fondo monetario …

Riservato a investitori istituzionali

Banco Bpm lancia nuovo covered bond

Banco Bpm ha lanciato un nuovo covered bond riservato a investitori istituzionali e qualificati e una volta emesso verrà quotato alla borsa del Lussemburgo. Il bond ha come sottostante un …

Report dell'agenzia di rating

Moody’s: con Iliad in Italia la più colpita Wind Tre

L’ingresso di Iliad nel mercato italiano ridurrà i ricavi da servizi dei tre operatori presenti, Wind Tre, Telecom Italia e Vodafone. Il calo sarà nel dettaglio del 4-6% solo nel …