1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: deficit/pil scende al 4,3% nei primi 9 mesi 2011 da 4,6% stesso periodo 2010 -2-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La nota dell’Istat rimarca inoltre come nel terzo trimestre 2011 le uscite totali sono diminuite, in termini tendenziali, dello 0,4%. Le uscite correnti sono aumentate dello 0,5%, mentre quelle in conto capitale sono diminuite del 12,1%. Nei primi nove mesi del 2011 le uscite totali sono aumentate dell’1,1% in termini tendenziali, mostrando un’incidenza sul Pil del 47,5% (47,8% nel corrispondente periodo del 2010). Le entrate totali nel terzo trimestre del 2011 sono cresciute, in termini tendenziali dell’1,4%. Le entrate correnti sono aumentate dell’1,4%, quelle in conto capitale del 2,8%. Nei primi nove mesi del 2011, le entrate totali sono aumentate dell’1,6% in termini tendenziali, mostrando un’incidenza sul Pil del 43,2%, invariata rispetto al corrispondente periodo del 2010.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Barometro sullo stato delle attività del distretto

Usa: indice FED Richmond in calo ma sotto le attese

In calo ad ottobre l’indice FED Richmond, barometro che sintetizza lo stato dell’attività del distretto, sceso a 15 punti dai 29 del mese precedente. Il dato è comunque inferiore alle …

MACROECONOMIA

Eurozona: fiducia consumatori in miglioramento a ottobre

La fiducia dei consumatori dell’Eurozona è migliorata a ottobre, attestandosi a -2,7 punti dai -2,9 punti di settembre. Il miglioramento è inatteso. Gli analisti infatti si aspettavano un peggioramento a …

Dati secondo trimestre 2018

Eurozona: rapporto deficit/Pil ai minimi dal 2002

Ai minimi dal 2002, l’anno dell’inizio delle serie storiche comparabili, il rapporto deficit/Pil della zona euro nel secondo trimestre del 2018 quando passa allo 0,1% dallo 0,2% registrato nel primo …

I DATI MACRO PIU' IMPORTANTI DI OGGI

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede pochi spunti con la sola pubblicazione nel pomeriggio dell’indice manifatturiero Usa calcolato dalla Fed di Richemond e l’aggiornamento della fiducia dei consumatori nell’Eurozona. Nel dettaglio: …