1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: debito/pil 2010 rivisto a 118,4% da 119% comunicato a marzo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A fine 2010 il rapporto debito/pil dell’Italia risulta pari al 118,4%. Lo ha reso noto oggi l’Istat. Il dato è inferiore rispetto al 119% comunicato a marzo. La revisione avviene nell’ambito della Notifica sull’indebitamento netto e sul debito delle Amministrazioni Pubbliche (AP), riferite al periodo 2007-2010, trasmesse il 30 Settembre alla Commissione Europea in applicazione del Protocollo sulla Procedura per i Deficit Eccessivi (PDE).
Alla fine del 2010 il debito pubblico era pari a 1.842.826 milioni di euro (118,4% del Pil). Rispetto al 2009 il rapporto tra il debito e il Pil è aumentato di 2,9 punti percentuali.
Alla fine dello scorso anno l’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche (-71.999 milioni di euro) risultava pari al 4,6% del Pil, in diminuzione rispetto al 5,4% del 2009 (-82.957 milioni di euro). Nel 2010 Il saldo primario (indebitamento netto al netto della spesa per interessi) è risultato negativo e pari allo 0,1 per cento del Pil, in miglioramento di 0,7 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Commenti dei Lettori
News Correlate
I DATI MACRO PIU' IMPORTANTI DI OGGI

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede pochi spunti nell’Eurozona, mentre dagli Stati Uniti giungeranno la fiducia dei consumatori e l’indice sull’attività manifatturiera della Fed di Richemond. Nel dettaglio: 08:45 medio FRA …

In rialzo rispetto a luglio

Giappone: indice PPI servizi sale oltre le attese ad agosto

Nel mese di agosto l’indice dei prezzi alla produzione (PPI) dei servizi del Giappone è salito su base annua dell’1,3%, più dell’1,1% atteso dal consensus e dell’1,1% precedente. …

DATI MACRO

Decreto sicurezza e immigrazione: via libera dal Cdm

Il Consiglio dei ministri ha approvato oggi il decreto immigrazione e sicurezza. DecretoSicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei Ministri approva all’unanimità! Sono felice. Un passo in avanti per rendere l’Italia …