1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Italia: da inizio crisi fallite 15mila imprese per ritardi nei pagamenti (CGIA)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dall’inizio della crisi sono fallite 15 mila imprese a causa dei ritardi dei pagamenti. A seguito di queste chiusure, il numero dei posti di lavoro persi si aggirerebbe attorno alle 60 mila unità. E’ quanto emerge da una stima della CGIA di Mestre. “Si tratta di dati molto preoccupanti, che mettono in luce gli effetti negativi sul tessuto produttivo e occupazionale italiano dei ritardati o mancati pagamenti, siano essi imputabili a committenti privati o a quelli pubblici” si legge in una nota. Visto che il 95% delle imprese in Italia ha meno di 10 addetti, ricorda la CGIA, l’eventuale sblocco di una parte importante dei 91 miliardi di euro di arretrati che la Pubblica amministrazione conta nei confronti delle imprese, gioverebbe a tutto il sistema economico ed in particolar modo alle piccole realtà imprenditoriali.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Articolo IV sull'Eurozona

Fmi, monito all’Italia: “Introduca salario minimo”

L’Italia deve introdurre un salario minimo nelle regioni, potenzialmente differenziato. A scriverlo il Fondo monetario Internazionale del rapporto Articolo IV sull’Eurozona in cui fornisce una serie di raccomandazioni al nostro …

Osservatorio sul precariato dell'Inps

Inps: crescono assunzioni nei primi cinque mesi, +9,8%

Crescono le assunzioni nel periodo gennaio-maggio 2018 secondo i dati contenuti nell’Osservatorio sul precariato dell’Inps, riferiti ai soli datori di lavoro privati. Il dato segna un +9,8% rispetto ad un …