1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Italia: Bankitalia, il debito italiano è sostenibile anche con rendimenti all’8%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il debito italiano è sostenibile. È quanto si apprende nel rapporto della Banca d’Italia sulla stabilità finanziaria. Secondo il report con una crescita dei costi di finanziamento fino all’8% e in assenza di crescita fino al 2014 il debito Italiano registrerebbe un calo o si stabilizzerebbe poco al di sopra del 120 per cento del PIL. “In un primo scenario alternativo -si legge nel report- si è ipotizzato che dal gennaio 2012 i rendimenti su tutte le nuove emissioni di titoli pubblici subiscano un incremento di 2,5 punti percentuali rispetto al quadro di base. Si tratta di un’ipotesi estrema: nell’estate 2011, in una fase di elevata instabilità dei mercati finanziari, il rendimento lordo dei BTP decennali è aumentato di circa un punto percentuale”.

“In un secondo scenario si è ipotizzato che l’aumento dei rendimenti si ripercuota negativamente sulla crescita, annullandola nel triennio 2012-14”. “I risultati indicano che anche nel primo scenario sfavorevole il rapporto debito/PIL si ridurrebbe fino al 115,5 per cento nel 2014. Nel secondo, nonostante la stagnazione prolungata dell’economia reale, il debito pubblico italiano si stabilizzerebbe poco al di sopra del 120 per cento del PIL”.

“Il deterioramento delle prospettive di crescita globale e l’aumento dell’avversione al rischio hanno fortemente accresciuto l’attenzione posta dagli investitori sul livello dei debiti sia pubblici sia privati, a scapito dell’analisi prospettica della solvibilità degli emittenti. Un tale orientamento ha contribuito a rendere più onerose le condizioni di finanziamento per lo Stato italiano; esso potrebbe tuttavia non tenere pienamente conto dei punti di forza della nostra economia, quali la prudenza seguita nella conduzione della politica fiscale negli anni recenti, la salda situazione patrimoniale di famiglie e imprese, il basso indebitamento estero, l’assenza di squilibri nel settore immobiliare e la solidità del sistema bancario”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Eurozona: produzione edile in rialzo dello 0,3% a luglio

Nell’Eurozona la produzione edile ha segnato a luglio un aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente, secondo quanto rilevato dall’Eurostat. A giugno la produzione nel settore delle costruzioni era salita …

MACRO ITALIA

Istat: produzione nelle costruzioni cala a luglio

L’Istat comunica che a luglio l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è sceso dello 0,6% rispetto al mese precedente, dopo l’aumento congiunturale rilevato a giugno (+1,7%). Su base annua, sia …