1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Italia, banche: stabilizzazione delle sofferenze a metà 2016 (S&P’s)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le sofferenze sui crediti sono uno dei problemi principali del sistema bancario italiano e non sono destinate a ridursi nell’immediato. Secondo Mirko Sanna, associate director financial institution di S&P’s “il tasso delle sofferenze crescerà ancora nei primi sei mesi dell’anno superando quota 20% per poi stabilizzarsi a partire da metà 2016. Il sistema bancario italiano – ha spiegato Sanna nel corso della conferenza stampa annuale di S&P’s – deve affrontare rischi maggiori rispetto ad altri Paesi dell’Eurozona sia per la struttura del settore in Italia, sia per gli effetti della crisi. Abbiamo registrato tuttavia dei segnali positivi”. Per avere un’effettiva inversione di tendenza nell’andamento delle sofferenze bancarie sarà necessaria una prosecuzione e un rafforzamento della crescita economica ma anche l’adozione di normative più snelle sulla fronte della cessione dei crediti o la creazione della bad bank. “Di bad bank si parla da oltre un anno – ha concluso Sanna – ma ci sono dei vincoli normativi molto stringenti. E’ probabile che alla fine si trovi una soluzione più leggera. Sarebbe comunque un intervento in grado di sollevare i bilanci delle banche appesantiti dai crediti deteriorati”.