Italia: Anfia, per rilanciare comparto auto è necessario ridurre carico fiscale

Inviato da Luca Fiore il Lun, 03/02/2014 - 19:44
Quotazione: FCA CHRYSLER
Secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a gennaio il mercato italiano dell'auto ha totalizzato 117.802 immatricolazioni, il 3,2% in più rispetto a un anno prima. "Riteniamo si tratti, comunque, di un segnale di incoraggiamento per un 2014 in cui, una volta toccato il livello minimo per un Paese come il nostro, la domanda dovrebbe finalmente ripartire, se non altro sulla spinta della necessità di rinnovare un parco circolante decisamente invecchiato", ha commentato Roberto Vavassori, Presidente dell'Anfia (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica).

"Questa spinta, tuttavia, da sola non è sufficiente", continua Vavassori. "Per ridare impulso, nel breve-medio termine, al mercato italiano, sono indispensabili interventi mirati sul carico fiscale, divenuto ormai insostenibile per gli automobilisti specialmente in riferimento ai costi di possesso e utilizzo dell'autoveicolo, e sulla fiscalità relativa alle auto aziendali, penalizzate, in Italia, rispetto al resto d'Europa".
COMMENTA LA NOTIZIA