Italcementi, rotti i minimi di periodo l'ultima speranza è la tenuta di 5,46 euro

Inviato da Riccardo Designori il Mar, 23/11/2010 - 15:09
Quotazione: ITALCEMENTI
Pesanti a Piazza Affari le quotazioni di Italcementi. Le azioni del produttore di cemento, in flessione già da un paio di settimane, si stanno avvicinando con decisione agli ultimi decisivi supporti presenti in prossimità di area 5,50. Una rottura al ribasso complicherebbe seriamente il quadro tecnico di medio periodo. La società quest'oggi è penalizzata dal giudizio espresso da alcune banche d'affari, oltre ovviamente al sentiment generale del mercato. Credit Suisse ha portato il target price a 5 euro dal precedente 6 euro, confermando il neutral. Citigoup ha invece manifestato le sue preoccupazioni sulle più importanti società del settore del Vecchio Continente. Per gli esperti nei prossimi mesi le condizioni di mercato dovrebbero peggiorare, andando ad incidere negativamente sul mix di prezzi e costi. Da un punto di vista prettamente operativo la vicinanza ai minimi di agosto a 5,54 euro rappresenta sicuramente una notizia negativa: la violazione di tale soglia, specie se confermata dal cedimento del minimo di 5,4611 ereditato dall'ottobre del 1998, aprirebbe la strada a nuovi corposi ribassi. In tal senso, guardando anche il grafico trimestrale, si nota come sotto i 5,46 euro il target più naturale sarebbe rappresentato da un ritorno in area 4 euro,. Spostando l'orizzonte temporale su time frame più immediato, ossia utilizzando il grafico montly, si scopre che il primo target ribassista al cedimento di 5,46 euro si avrebbe a 5,10 euro. In tale area si porterebbe a compimento il pull back della trendline ribassista disegnata con il top di agosto 2007 e con il minimo di agosto 2009. In quest'ottica la strategia proposta prevede la vendita di 54,62 euro e lo stop sopra 5,95 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA