1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Istat, segnali di ripresa dalla produzione industriale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Rispettando le attese della vigilia la produzione industriale italiana recupera in parte il calo di fine 2007. Dopo il brusco rallentamento rimediato a dicembre (una flessione tendenziale dell’indice grezzo pari al 4%, mentre il dato corretto per i giorni lavorativi ha messo in evidenza sempre nell’ultimo mese del 2007 una diminuzione tendenziale del 6,5%), nel primo mese dell’anno la produzione industriale del Belpaese ha registrato un aumento rispetto a gennaio del 2007 dello 0,5%.
La produzione industriale cresce invece dell’1,3% rispetto a dicembre. Stando a quanto comunicato dall’Istat, l’indice corretto rispetto ai giorni lavorativi ha riportato un incremento dello 0,5% (contro il -6,4% di dicembre, dato rivisto dal precedente -6,5%). Nel primo mese dell’anno i giorni lavorativi, precisano gli esperti, sono stati 22, come nello stesso mese del 2007.


L’indice della produzione industriale corretto per i giorni lavorativi ha segnato, nel confronto con gennaio 2007, variazioni positive per l’energia (+2,4%), per i beni strumentali (+ 0,9%) e per quelli di consumo (+0,8% il totale, +0,7% i beni non durevoli, più 0,3% i beni durevoli). Ha riportato, invece, un’unica variazione negativa per i beni intermedi (-0,6%). Gli indici destagionalizzati dei raggruppamenti principali di industrie, rispetto a dicembre 2007, sono aumentati del 4,1 % per i beni di consumo (più 4,3 % i beni durevoli, più 4% i beni non durevoli), del 3,5% per i beni strumentali e dell’1,3% per i beni intermedi; la variazione congiunturale è risultata negativa solo per l’energia (-3%).

A gennaio  l’indice della produzione industriale ha messo a segno la crescita maggiore nei settori del tessile e abbigliamento in rialzo dell’8,4 %, dell’energia elettrica, gas e acqua (+ 5,3 %), della produzione di macchine e apparecchi meccanici (+3,5 %) e degli alimentari, bevande e tabacco (+2,3%). Per contro, le diminuzioni più marcate hanno riguardato, invece, i settori delle pelli e calzature in flessione del 12,1 %, del legno e prodotti in legno (-6,1%), della lavorazione dei minerali non metalliferi (-5,1%) e delle raffinerie di petrolio (- 4,5 %).


Il dato relativo a febbraio sarà diffuso il 10 aprile; in quella occasione l’Istat rivedrà anche le serie storiche della produzione industriale.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Stati Uniti: vendite case esistenti in frenata, -2,3% ad aprile

Negli Stati Uniti le vendite di case esistenti hanno registrato ad aprile una battuta d’arresto, con un calo del 2,3% rispetto a marzo, quando invece erano aumentate del 4,2% (dato rivisto dal precedente +4,4%). Gli analisti si aspettavano un ribasso…

MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

Attenzione oggi rivolta alle banche centrali. La Bank of Canada dovrebbe annunciare la conferma del costo del denaro allo 0,5%. In serata attenzione alle minute dell’ultima riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve. Tra le indicaz…